Dipartimento di Scienze della Formazione


Corso di Laurea triennale in Scienze dell’Educazione



Prof.ssa CHIARA LEPRI



Vai alla Bacheca Personale del Docente >>

Informazioni personali


Qualifica Ricercatore
Settore Scientifico Disciplinare M-PED/02
Tel Non indicato
Fax Non indicato
Cellulare aziendale Non indicato
Email chiara.lepri@uniroma3.it
Indirizzo via del Castro Pretorio 20
Ufficio 3.4 (III piano, lato Via Milazzo)
Struttura/Afferenza Dipartimento di Scienze della Formazione
Funzione Membro del Consiglio di Dipartimento
Altre Informazioni Curriculum vitae: visualizza

Sito web: visualizza





Vai alla Bacheca Personale del Docente >>

Chiara Lepri ha conseguito il Dottorato di Ricerca in “Metodologie della ricerca pedagogica. Teoria e storia” (Coordinatore Prof. Franco Cambi) nel 2007 presso il Dipartimento di Scienze dell’Educazione e dei Processi culturali e formativi dell’Università degli Studi di Firenze. Dal 2002 ha collaborato continuativamente alla cattedra di Letteratura per l’infanzia dell’Università degli Studi di Firenze (Prof.ssa Flavia Bacchetti) in qualità di Cultrice e poi come Assegnista di ricerca. Presso la Scuola di Studi Umanistici e della Formazione dell’Università di Firenze è stata docente a contratto di Letteratura per l'infanzia e di Narrazione e infanzia; attualmente conduce il Laboratorio sulla lettura dei linguaggi iconografici, artistici e massmediologici. 
Dal 1 marzo 2017 è Ricercatrice TD tipo B (SSD M-PED/02 - Storia della Pedagogia) presso il Dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi di Roma Tre, dove insegna Storia dei Processi Culturali e Formativi (CdS EduNido) e Storia dei Modelli Educativi e Formativi (CdSM SPE).
Ha conseguito il Premio CIRSE 2015, Sezione Opera Prima, ed il Premio Italiano di Pedagogia SIPED nel 2018; sempre nel 2018 ha conseguito l'Abilitazione Scientifica Nazionale a Professore di II fascia, Settore 11/D - Pedagogia e Storia della Pedagogia. 
I suoi interessi di ricerca vertono sulla storia della letteratura per l’infanzia e sulla letteratura per l’infanzia tra Otto e Novecento, da un lato quale genere che si propone, nella metodologia della ricerca storica-educativa, come fonte e osservatorio privilegiato per interpretare un’epoca storica e la sua Weltanschauung (a questo proposito, recente è lo studio Le immagini raccontano. L’iconografia nella formazione dell’immaginario infantile, Pisa, ETS, 2016. Nello stesso anno il volume viene pubblicato anche in lingua spagnola per i tipi di Benilde, Siviglia: Las imágenes cuentan. La iconografía en la formación del imaginario infantil), dall’altro con particolare riferimento ai diversi linguaggi artistico-narrativi e all’innovazione e alla sperimentazione linguistica nell’ambito della produzione poetica contemporanea (si vedano gli studi Parole in libertà. Infanzia e linguaggi poetico-narrativi, Anicia, Roma, 2013 e Aedi per l’infanzia. Poeti e illustratori di oggi, Pacini, Pisa, 2015 e numerosi altri saggi in volumi collettanei ed articoli in riviste specialistiche). Si interessa inoltre di pedagogia della lettura e di lettura per immagini e svolge corsi di formazione per educatori promossi da enti locali. 



Attività didattica   Attività di ricerca